Una lezione di vita: l'educazione stradale della Provincia premiata da Napolitano

Data: 
01/06/2012 - 10:00
Incontro al Centro Servizi a Mestre con premiazione ai partner del progetto
educazione alla sicurezza stradale

31-05-2012 - L’assessore alla Viabilità e Sicurezza Stradale Emanuele Prataviera ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione del riconoscimento conferito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al laboratorio-evento “Una lezione di vita – educazione alla sicurezza a 360°” realizzato nell’ambito del 5° ciclo di laboratori per l’educazione alla sicurezza stradale dal titolo “Vita in strada: istruzioni per l’uso ed eventuali effetti collaterali”.

 

Il progetto è stato realizzato nell’anno scolastico 2011/2012 in diverse scuole della provincia in collaborazione tra vari enti tra cui la Provincia di Venezia.

 

Per l’occasione è stato proiettato un video dei momenti significativi del laboratorio e sono stati consegnati dei riconoscimenti, da parte dell’Ust Venezia (Ufficio Educazione Fisica, Sportiva ed Educazione Stradale del Ministero dell’Istruzione), alla Provincia di Venezia e a tutti gli Enti che hanno collaborato al successo e alla buona riuscita del progetto.

 

Presenti anche Domenico Martino, dirigente dell’Ufficio Scolastico territoriale di Venezia, e alcuni rappresentanti del Ministero dei Trasporti, della Prefettura, della Regione del Veneto, delle forze dell'ordine dei comandi provinciali (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza), Vigili del Fuoco, Suem 118 Pronto Soccorso, rappresentanti dei Comuni e delle Polizie locali, associazioni di autoscuole Unasca e Confarca, Veneto Strade e Inail. Ha coordinato l’incontro la responsabile del progetto e coordinatrice provinciale per l’educazione fisica sportiva e stradale Elisabetta Scarpa.

 

Assessore Prataviera: «E’ fondamentale questa collaborazione con tutte le realtà del territorio, solo così riusciamo a realizzare la migliore azione possibile in tema di sicurezza stradale. Da tre anni partecipiamo ad iniziative già collaudate come questa, ed altre ne stiamo progettando. Il fattore economico ci preoccupa fino ad un certo punto perché, pur nelle ristrettezze di bilancio, siamo stimolati a proporre azioni molto incisive. Fortunatamente nella nostra provincia abbiamo una realtà di associazioni, enti e forze dell’ordine con i quali lavoriamo molto bene».

 

L’edizione di quest’anno ha coinvolto 1068 studenti di istituti di Mestre, Marghera, Meolo, San Donà di Piave, Quarto D’Altino, Gruaro, Dolo, Jesolo e Ca’ Savio. In cinque anni le scuole coinvolte sono state 94; le realtà che hanno collaborato sono state 62. Gli incontri svolti sono stati 928 per un totale di 15.449 studenti. Hanno collaborato 353 istruttori ed operatori professionisti, mentre i veicoli utilizzati per prove pratiche sono stati 22.